Caratteristiche tecniche di un amplificatore: ingressi, uscite

Tra le prime caratteristiche tecniche a cui badare quando decidiamo di acquistare un amplificatore troviamo il numero (e la tipologia) di ingressi e uscite di cui è dotato. Questi ci permettono di sapere sin da subito con quanti e quali dispositivi tale strumento è compatibile, e possiamo quindi fare un acquisto mirato a seconda delle nostre esigenze. Sembra un discorso complicato, ma in realtà è di una semplicità unica – e a breve converrete con me, quando cioè inizieremo a spiegarci meglio nelle righe seguenti. I dubbiosi e gli indecisi possono schiarirsi le idee sul sito internet Amplificatoremigliore.it.

      Gli ingressi di un amplificatore sono utili per capire con che tipo di dispositivo possiamo connettere l’apparecchio. Quelli più utili – perché maggiormente sfruttati – sono: il sintonizzatore radio, il lettore CD, il registratore, il giradischi e l’AUX. Prima di acquistare un prodotto dotato di una miriade di ingressi (che solitamente è più costoso rispetto a un modello più “basilare”) dobbiamo valutare bene di che tipo di connessione abbiamo bisogno. È inutile pagare un occhio della testa per un prodotto super versatile, se poi sfruttiamo solo un paio di quei tanti ingressi! Oppure ancora è il caso degli amplificatori che emettono luci e giochi di colore. Tali accessori non influiscono sulla qualità del suono riprodotto, ma fanno lievitare – e di molto – il costo finale dell’articolo! Una volta quindi stabilite le nostre esigenze possiamo iniziare a guardarci intorno, e scegliere così un articolo che sia in linea con l’utilizzo che ne faremo.

      Far caso alle uscite di cui è dotato l’amplificatore ci è utile per gli stessi scopi elencati nel paragrafo sugli ingressi. Il numero di queste è nettamente inferiore: solitamente infatti sono due. Stiamo parlando delle casse, o delle cuffie. Le uscite quindi ci permettono di ascoltare la musica in modi diversi. Un amplificatore dotato di entrambe le uscite solitamente non costa molto di più di un modello simile, ma compatibile con una sola uscita. A parità di prezzo è quindi preferibile optare per la prima tipologia, se non altro almeno per avere una scelta più ampia e quindi un prodotto più versatile.